Iniziative speciali

a cura di Paolo Scoglio e Adriano Ribera

In occasione di SUN 2018 verrà allestita la mostra “Architetture per l’Ecoturismo e la Microricettività”.
Attraverso le opere dello studio the ne[s]t, la mostra guida il Visitatore lungo un percorso di conoscenza e consapevolezza
delle potenzialità del Territorio in chiave di ricettività eco-turistica:
una esposizione dedicata al significato di Ecoturismo, applicato al territorio italiano, attraverso la scoperta delle più innovative Eco-Architetture destinate all'ospitalità, al relax, all'enogastronomia ed al wellness.
Ecoturismo è, secondo la definizione dell’associazione omonima, “un modo di viaggiare responsabile in aree naturali, conservando l'ambiente in cui la comunità locale ospitante è direttamente coinvolta nel suo sviluppo e nella sua gestione, in cui la maggior parte dei benefici restano alla comunità stessa”.
Una volta calato negli svariati scenari paesaggistici italiani, il Visitatore scopre come l’Architettura eco-sostenibile possa fornire all’Ecoturista i contenitori più adatti a accogliere le proprie attività in termini di ospitalità, relax, enogastronomia e wellness. Si tratta di spazi minimali in simbiosi con la natura, spazi artificiali nomadi, in rapida trasformabilità, modulari, aggregabili ed implementabili nel tempo con l’evoluzione dei comportamenti, facili da installare e disinstallare, ad impronta zero sul Territorio.
Essi ricorrono a materiali di derivazione naturale e funzionano come dispositivi regolati da softwares semplici ma “smart”, in grado di migliorarne e controllarne l’efficienza nel tempo, gestendo i periodi di utilizzo e quelli di inutilizzo scollegando le unità stesse dalle reti convenzionali con l’obiettivo di una totale autarchia energetica a favore di tutte le fonti rinnovabili prelevate “on-site”.


Non si parla soltanto di Eco-resorts ma anche di Eco-camps, ovvero una declinazione innovativa di glamping per eco-turisti con necessità di sosta ancora più dinamiche.

L’ Eco-camp è un’infrastruttura eco-sostenibile che consente di portare ovunque il campeggio con le tende sospese: tra gli alberi, sulle sponde di un lago, sulla riva del mare, sopra le vigne. L’Ecoturista può disporre della propria tenda oppure noleggiarla in situ: l’Eco-camp costituirà l’architettura modulare dell’aggregazione delle tende, fornendo gli spazi comuni e quelli di servizio; il tutto, con una velocità di espansione o di contrazione pressoché quotidiana.
Con questi intenti, le Architetture in simbiosi con la Natura di the ne[s]t potranno davvero costituire la sintesi e la successiva proposizione di un nuovo modo di concepire l’insediamento umano per l’Ecoturismo, temporaneo, eco-simbiotico, a reversibilità totale: un modo intelligente e sano di fare business e generare sviluppo per il futuro del nostro Paese.

Dove: Portico esterno D4/B4