Online Ticket
esponi

La ditta che sta a capo di Expo Guide, prima conosciuta come Fair Guide con sede in Austria, poi come Commercial Online Manuals S de RL de CV, con sede in Messico, poi Event Fair, ora International Fairs, a partire dal 2008 circa ha iniziato ad inviare ai nostri espositori dei moduli riportanti marchi di manifestazione di Rimini Fiera (o di altre entità fieristiche) e la stessa denominazione Rimini Fiera (o di altre entità fieristiche).

Apparentemente tali moduli, oltre a trasmettere subliminalmente l'esistenza di un qualche collegamento tra Rimini Fiera e questa società , si presentavano ai clienti come semplici inviti a carattere promozionale in cui si richiedeva l' aggiornamento dei loro dati da inserire nella guida fieristica telematica "Expo Guide". In realtà da una attenta lettura di una clausola (scritta a caratteri microscopici) riportata nel formulario allegato ai suddetti moduli, si deduceva che con "l'attualizzazione dei dati" e quindi con la compilazione dei moduli, l'espositore veniva sì inserito nella guida telematica "Expo Guide" ma attraverso il pagamento di una somma annua.

Molti espositori, ritenendo erroneamente che vi fosse un legame tra tale società fraudolenta e Rimini Fiera spa, a causa dell'indebito utilizzo marchi di manifestazione di proprietà di Rimini Fiera e non soffermandosi sulla clausola riguardante il pagamento, sono stati "indotti" a compilare e sottoscrivere i moduli.

Conseguentemente, anche a seguito di molteplici segnalazioni ricevute da nostri espositori, Rimini Fiera, dopo una prima formale diffida nei confronti della società (che allora era denominata, ripeto,Commercial Online Manuals con sede in Messico),rimasta senza riscontro, ha provveduto a trasmettere una denuncia di "presunta ingannevolezza dei messaggi pubblicitari" nei riguardi della Commercial Online Manuals S de RL de CV , presso l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. In prima battutta l'Autority comunicava a Rimini Fiera l'avvio del procedimento istruttorio (si veda allegato n.1). Di seguito, con provvedimento n. 22583, adottato nell'adunanza del 13 luglio 2011 (si veda allegato n.2), l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, ha deliberato :

"...che il messaggio pubblicitario della Expo Guide costituisce pubblicità ingannevole...ai sensi degli art. 1,2 e 3 del Decreto Legislativo 2 Agosto 2007..";

"...di irrogare alla Expo Guide, una sanzione amministrativa pecuniaria di Euro 100.000,00, ecc.."

Già prima della suddetta pronuncia, inoltre, Rimini Fiera al fine di tutelare i propri clienti ha inviato ai propri espositori un promo-fax ed ha inserito nei siti e nei regolamenti di manifestazione un messaggio, per "avvertire" i clienti della condotta che stava perpetrando la Commercial Online Manuals S de RL de CV.

Si segnala, peraltro, che la condotta della Commercial Online Manuals S de RL de CV, non ha riguardato solo Rimini Fiera Spa ma anche molte altre fiere italiane, nonchè enti e soggetti giuridici di diversa natura.

Nel 2014, inoltre, l’Autorità Garante si è pronunciata con un altro provvedimento di condanna  ( si veda sito http://www.agcm.it/stampa/news/6775-banche-dati-on-line-sanzione-di-500mila-euro-alla-societa-expo-guide-per-pratica-commerciale-scorretta.html)

Per quel che è di nostra competenza, possiamo consigliare ai nostri espositori di non sottoscrivere nulla e a quelli truffati di non pagare alcun sollecito della Expo Guide, magari scrivendo pure al Garante della Concorrenza e del mercato (www.agcm.it)  per segnalare ulteriormente tale Società.